AFL: Gary Ablett torna a Geelong

January 3, 2018

 

Premessa: a centrocampo, nella AFL si fatica più che in attacco e difesa.

 

Dopo 7 anni (per soldi) ai Gold Cost Suns, Gary Ablett, lo Schumacher, Tiger Woods, Wilkinson, boh della AFL torna a Geelong (guarda il video: https://www.youtube.com/watch?v=9gdP4Af661I ).

 

Sono curioso di vedere se:

  1. chi lo ha fischiato, insultato etc. alla partenza lo riaccoglierà,

  2. se (credo di no) si nasconderà in attacco a segnare gol da vecchio famoso,

  3. o se tornerà a centrocampo, con la spalla a posto, la morte della sorella e il passato alle spalle a smistare, raccogliere, placcare. Butterei per questa opzione,

  4. se alla sua età riuscirà a togliersi da dosso l'ombra del padre fuoriclasse e bandito. E - mancasse altro - omonimo. 

Dai primi allenamenti, dagli auguri umani e atletici che gli facciamo, la terza ipotesi sembra la più bella e più logica, associata alla 4ta.

 

A ogni Hall of Fame o arresto del padre sempre domande a lui. Dài colleghi, crescere, oltretutto non siete originali e lui non dice niente di interessante. Credo abbia voglia di dimostrare di essere stato infortunato e non vecchio negli anni alla nuova franchigia della “Venice Beach” australiana.

 

Sarà strano rivederlo nella sua vecchia squadra, che per caratteristica di roster ha molti giocatori in grado di giocare sia davanti sia a centrocampo. Parlo di Nakia Cockatoo, Selwood, Mitch Duncan e (par dir) Patrick Dangerfield.

 

Giocherà con il numero 4 che chi ha tanti anni associa a Bob Davis, Alistair Lord, Terry Bright e chi ne ha meno ad Andrew Mackie.

 

Nella foto di qualche mese fa, 2 “tagger” dei Geelong Cats (a strisce) gli dicono "torna cummè".

 

C'è modo e modo. 

 

 

Please reload

Recent posts

Please reload

Search by Tags

Please reload