Indiofemminismo: Raveena giust, Mithalj sbajà

August 12, 2017

 

 

 

Ruolo della donna (famosa) in India: un'attrice (Raveena Tandon) “ha fatto giusto”, e una sportiva, Mithalj Raj, secondo me ha sbagliato e danneggiato.

 

La capitana dell'India di Cricket (Mithalj) ha risposto male a un giornalista che le ha chiesto chi fosse il suo giocatore preferito: “Faresti la stessa domanda a un uomo?”. 

Si, è una domanda che si fa spesso, a tutti, rispondere così si spiega solo con un malessere intestinale o con la volontà di raccogliere consensi. Vivi in una nazione che in parte tollera l'intollerabile e ti giovannad'archi per una domanda tecnica. Come on.

 

La Bolly attrice e produttrice Raveena Tandon invece ha spiegato delle cose interessanti nel suo Blog: http://blogs.timesofindia.indiatimes.com/raveenatandonblog/the-power-men-of-bollywood-and-how-social-media-has-evened-the-scales-2/

 

Esempio: negli anni '90 il Bollywood-stage flirt tra l'attrice giovane e lo stagionato famoso era un classico. Ma lei veniva insultata e maltrattata e lui applaudito. Raveena poi spiega come i social media, pur con i loro difetti, abbiano appianato la differenza.

 

Ecco, esempio di utilità. Rav certo non stenta a fare la spesa, ma si aliena comunque una fetta di audience prendendo queste posizioni spiegate e analizzate, inoltre ti fa ragionare. E tutti sappiamo che se parlasse del suo costume da bagno in Sari avrebbe molti più clic sul Times of India.

 

La condizione di vittima deve essere abbandonata, non coltivata.

 

 

Please reload

Recent posts

Please reload

Search by Tags

Please reload