Fiction: Ovviamente c'è India in Sport Crime di DANIELA SCALIA

June 30, 2017

 

Ogni fotogramma della nostra sigla è una promessa, e questa stampa visnhuita che vedete nello sfondo non è un manierismo.

 

Nella prima stagione non saremo fisicamente in India, ma avremo elementi umani e sportivi, non ultimo il cricket, in molti episodi, anche nel terzo che stiamo per filmare a Torino (dal 3 al 14 luglio).

 

Nella seconda stagione, al 90%, dovremmo avere un episodio nel magnetico mondo degli indiani di Inghilterra, potrebbe slittare alla terza ma non oltre.

 

Luca non si dà atteggiamenti da guru e non ostenta, ma vive a sua maniera, molto inglese e bellunese, la sua India personale, iniziata con Stones e Beatles da bambino, proseguita con il cricket e i lunghi viaggi in Asia con la sua compagna quando il rugby concedeva ancora due mesi di pausa estiva ai non nazionali, continuata in molti modi, attraverso Ravi e Anoushka Shankar e un Sitar che da 11 anni aspetta di essere accordato.

 

Non posso allargarmi ai suoi contatti personali altrimenti la vena Šivaita prende la forma di Veerabhadra.

 

 

Please reload

Recent posts

Please reload

Search by Tags

Please reload