Hockey: Portieri e dibattito eterno (porca paletta)

December 15, 2016

 

 

Seguo il dibattito ormai ventennale su come ridurre il potere dei portieri nell'hockey.

 

Per chi non segue: parano troppo, si segna troppo poco, sono troppo decisivi, squadra debole col portiere forte = squadra che può farcela.

 

Troppi “troppo”, se ne discute, ma come sul disco (luminoso, viola, a strisce, meno contusivo, etc.) il dibattito sembra destinato a finire lì.

 

Non si può impedire ai portieri di essere sempre più grossi (e quindi di occupare più porta), né di essere sempre più tecnici, né di adottare una tecnica che blocchi subito “il basso” con i gambali per coprire gran parte del sopra con fisici da piloni.

 

Ingrandire la porta: sconvolgerebbe l'architettura (si, perché andrebbero riviste anche le piste) e metterebbe in crisi tutto l'hockey di terza fascia sul quale la IIHF punta giustamente molto (vedi Kenya, India, Israele, etc).

 

L'unica sembra la riduzione della paletta, il “Blade”.

 

Aumenterebbe il numero dei goal, renderebbe meno sicura la deviazione negli angoli, di conseguenza ci sarebbero più rimbalzi (= occasioni di marcatura) disponibili.

 

Credo (ma devo chiedere a un portiere o a un goalie-coach) che le vibrazioni sui tiri forti deviati sarebbero più fastidiose, a meno che la scienza dei materiali non riesca a inventare un sistema di assorbimento inter-fibra che mantenga le caratteristiche.

 

Conoscendo quel mondo non mi stupirei che fossero già al lavoro, porca paletta.

 

Please reload

Recent posts

Please reload

Search by Tags

Please reload