Rugby: Tecno-cciole Aus-Fra (augh)

November 24, 2016

 

AUGH Naivalu ha difeso benissimo su un raddoppio, è difficile, ci vuole testa, comunicazione, attenzione durante le videoanalisi, contro lo stereotipone della Fiji-spontaneità alla noce-di-cocco di Rousseau.

 

SEMPRE A PROPOSITO DI NOCI, MI PAGANO per trovare angoli poco notati di qualche match, quindi già che ci sono faccio le pillole, o “nocciole”.

 

SBÀSETE, TE SE MASSA ALT Skelton ha messo in crisi il suo pilone Robertson legando alto e male, ho preso nota: il “suo” pilone tende sempre a subire l'avversario. Sull'episodio singolo può essere il pilone, su 10 esempi no. Su Coleman e Arnold si vede molto meglio il lavoro specifico di Ledesma. I Queensland Reds stanno fornendo i migliori scrumlocks, Simmons, Horwill e Neville, addirittura 3 che spingono da test match.

 

BOOM E CUCU, Douglas, ad esempio, ma molti altri Wallabies tendono a lasciare la linea per cercare il grosso colpo sul portatore avversario. Sicuramente Cheika ha già detto di non rifarlo fino a Pasqua o fino a superiorità numerica.

 

COSA C'ENTRA L'HOCKEY Nell'Hockey si chiama “back checking” ed è molto strutturato (back check awareness significa selezionare il momento, l'uomo, etc.), nel rugby si chiama placcaggio in recupero su chi è già scappato. Moore, Pocock sarebbero piaciuti a Patrick Fisher.

 

CEREBRALLY THANKS BUT NO RUSH, MERCI I Golds invitavano i Bleus alla rush defence, ma loro non ci cascavano. A inizio match, da touche gli Aussies hanno fatto un diamante con Foley nascosto dietro, volevano vederli blitzare su per scavalcarli col piede. Non ha funzionato ma ha seminato dubbi. Bella lotta cerebrale.

 

PICAMOLES, QUEL CHE SERVE SERVE Meno del solito in attacco, prezioso nel rallentare i palloni, cioè l'ossigeno aussie.

 

VENEZIANO, LACRIMUCCIA? Vaghi ricordi posizionali di difesa a ombrella francese anni '70 per gli aussies.

 

KEVIN GOURDON avrà sbagliato qualche placcaggio ma quanti ne ha fatti giusti, e anche 2 offloads da "stop e riguardiamo".

 

BAILLE 12 placcaggi in 65 minuti, un bel pallone decisivo per Vakatawa. Ce ne sono altri, ma questo viaggia anche in mischia ordinata, con un paio di falli in meno può mettere in discussione Ben Arous (che resta il mio preferito) e Poirot.

 

FOFANA INSIEME A UN CENTRO CLASSICO è un'altra, letale vista. Fofana ha sofferto spesso l'abbinamento con Bastareud e con altri centri–trattore. Secondo me dobbiamo ancora vederlo tutto, nessuna preveggenza, lo guardo spesso in Top14, vecchio trucco (ecco, magari un ritocchino al piede offensivo, la difesa l'ha aggiustata).

 

MISURARE LO SPAZIO Ok giocare la palla prima di calciare dalla propria difesa, ormai lo fanno in molti, abbiamo già parlato (articolo specifico) dell'importanza di trovare erba e far girare gli avversari, ma Foley a un certo punto ha calciato esattamente nel punto dove erano iniziate le due fasi australiane. Cordella metrica e Cheika provvederanno.

 

QUANT LAORO Larkham studia giocate apposite per ogni match, questo weekend potrebbe rimescolare quelle più semplici. Sono tornate anche le touche a 5, i diamanti vicini alla fonte, meno Lark1 e 2.
 

NEL CORRIDORIO La difesa aussie vicino alla touche è migliorata, ma è ancora tremolante.

PAR DIR La mischia a tempo scaduto avrebbe potuto/dovuto dare un penalty, quindi una vittoria ai francesi. Sulla meta in scivolata sorvolo.

 

Please reload

Recent posts

Please reload

Search by Tags

Please reload